Archivi tag: twitter

l’amore ai tempi dei social media

Ho bisogno di condividere qualche pensiero sul tema: amore (o presunto tale) e social media.
Conosco una che è convinta che uno le vada dietro solo perché ha messo “mi piace” alla sua foto di profilo. Ora, voi direte, non ci sta nulla di strano. Ebbene sì, potrebbe essere un pensiero comune, giustificato dal fatto che magari sono anni che sbavi dietro a quello che ti ha messo “mi piace” e che ora la notifica dell’avvenimento è paragonabile a un evento eccezionale (che ne so, magari lo sbarco dell’uomo sulla luna). Poi è anche vero che quando ci innamoriamo siamo tutti un po’ più stupidi. Noi donne, poi, lo diventiamo in maniera particolare. Ma – dico io adesso – come si fa a pensare che un banalissimo “mi piace” alla tua foto di profilo sia una lapalissiana dichiarazione di intenti?
Conosco uno che ha candidamente ammesso: da quando sono su Facebook ci scriviamo tutti i santi giorni. Lei è innamorata persa. Scusa, ma quando tu non eri su Facebook? No, si erano persi di vista, pur avendo uno il numero dell’altra. Poi, dopo essersi inviati la richiesta di amicizia (non so da chi a chi), lei si è magicamente ricordata di lui e ha cominciato a mandargli messaggi. Gli scriveva mentre era dal parrucchiere, prima di andare a dormire. Così, giusto per passare il tempo. Cosa si scrivono? Niente, del più e del meno. Ma lui è convinto che lei sia pazza di lui e che non si faccia avanti per timidezza.
Conosco una che da quando è su whatsapp passa tutto il giorno a mandare messaggi. Anche a gente che non vede dagli anni delle elementari. Si scrivono del più e del meno. Non si vedono da una decina di anni. Ma si aggiornano. E tra queste persone che non vede/sente da anni c’è anche il suo primo fidanzatino. Dalla foto di profilo lei giura di sapere che lui si sia lasciato. E su questo non c’è nulla di strano. Il gossip è sempre stato all’ordine del giorno in questi casi. Il guaio è che lei continua a sbirciare tutti i giorni foto del profilo e orario di ultimo collegamento di lui. Dice di essere convinta che prima o poi si scriveranno qualcosa di diverso dai soliti convenevoli. E che da lì ripartirà tutto: contatti e anche il fidanzamento.
Conosco gente strana, lo ammetto. Ma secondo me quando uno è in love ‘sti social media peggiorano la situazione 🙂

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in amore, diario, ironia, pensieri, riflessioni, tecnologia

diario semiserio di isolamento tecnologico :-)

Ciao a tutti. Il mio iPhone nuovo di zecca mi ha abbandonato da 24 ore circa.
Sono praticamente in preda all’isolamento tecnologico. Con una differenza: di solito con isolamento tecnologico si intende quelli che si isolano dalla realtà per fuggire nel mondo della tecnologia. Bene, il mio isolamento tecnologico è al contrario: sono in astinenza da app e da tutto quanto sia possibile fare con uno smartphone. Torniamo al mio iPhone 5 che mi ha lasciato senza preavviso.
La sera prima lo avevo lasciato dopo un uso smodato causa elezioni. Era bello, lucido e pimpante. La mattina mi alzo e non si accende. Provo a caricarlo (ma era carico) e niente: non si carica. Allora provo l’hard reset ma… niente. Ecco che corro dal mio rivenditore e gli spiego l’accaduto. Alla fine lascio il mio iPhone lì e devo attendere almeno 40 giorni per riaverlo.
Compro un adattatore per mettere la mia nano-sim nel vecchissimo Nokia e comincia il mio isolamento digitale.
Niente Whatsapp.
Niente Facebook.
Niente email.
Niente Twitter.
Niente giornali e notizie a portata di mano.
Tornano le vecchie telefonate.  Ah no, ho perso tutti i numeri. Quindi al massimo chiamo a casa mia (credo sia l’unico numero che ricordo a memoria).
Tornano i vecchi sms. Per il momento inviati solo a una mia cara vecchia amica il cui numero stava sul vecchio Nokia.
E allora, poiché credo che sia altamente terapeutico in questa fase di disintossicazione da nuove tecnologie, ho deciso: annoio voi quattro/cinque lettori del mio blog alla scoperta del mondo prima degli smartphone.
Sarebbe previsto un post al giorno. Ma forse la disperazione mi porterà a scriverne di più. O forse mi abituerò in men che non si dica e tornerò sul blog solo per ridere delle vecchie digitali abitudini.
Chissà! A presto 🙂

Lascia un commento

Archiviato in diario, diario di un'isolata tecnologica, ironia, tecnologia

l’idiozia ai tempi dei social network

Foto: francescoamato.com

Foto: francescoamato.com

Era da tempo che non vi annoiavo con acidi commenti sulle mode, sulle tendenze o – peggio ancora – sulle solite attitudini della maggior parte delle persone che popola oggi il mondo reale e virtuale.
Poi stamattina mi sono imbattuta in un post sulla bacheca di un’amica. È un post che mi ha illuminato e mi ha fatto capire che non sono la sola acida-intollerante-antipatica che critica determinati atteggiamenti. E allora ve lo riporto qui, giusto per condividerlo con voi e per fare anche quattro commenti, oltre che altre quattro critiche agli stili di vita moderni, a margine.
La pagina Facebook “Le perle di Pinna” (premetto che non si tratta di pubblicità subliminale: non so chi sia Pinna e fino a cinque minuti fa ignoravo la sua esistenza) pubblica quanto segue.

“Appena vi fidanzate lo annunciate su Facebook e non pubblicate altro che foto assieme, frasi melense e aforismi di Prevert, il tutto condito da cuoricini, bacini e fiorellini.
Poi vi lasciate e pubblicate solo massime su quanto è bello essere single, racconti in cui sputtanate i vostri neo ex e foto recenti di voi in palese coma etilico intitolate “Bella la vita da single” o “Gli amici sono tutto per me, la vodka pure”. Per non parlare degli status-frecciatina in cui narrate di una felicità inesistente perché state morendo di nostalgia ma volete far credere a tutti di essere forti, rinati e tremendamente indipendenti.
Dopo due settimane circa trovate un nuovo “grande amore”, mollate gli amici (che erano tutto fino a ieri) e ricominciate a fracassare le palle con foto, video e cuoricini, seguendo lo stesso identico iter fino allo sfinimento.
Ma tipo non vi sentite idioti?”

Ecco… Io lo chiedo a voi: non si sentono idioti? Io mi sento tale anche solo a leggere ‘ste cose! E queste erano esattamente un paio di cose che avevo sulla punta della penna e della lingua da qualche mesetto. Ma poiché mi spiace essere scambiata per una giovane acidula fanciulla ho tenuto le considerazioni per me e le ho lasciate a poche amiche fidate.
Io, a margine del commento, visto che oramai – come ripeto spesso – i social network erano anche una cosa utile in partenza ma adesso sono andati a finire “man ‘e sciem”, propongo un minuto di silenzio (uno per ognuno) per coloro che:
– ti cancellano da Facebook e Twitter per cancellarti dalla loro vita. Pensano di farlo perché confondono il reale con il virtuale e se tu non sei più on line secondo loro non esisti più;
– lanciano frecciate a destra e a manca a prima mattina, appena scendono dal letto. Mi spiace che appena alzati ce l’abbiano con il mondo intero. Per loro un sincero “stai calm”;
– condividono a raffica le foto delle vacanze e ti mandano saluti da ogni parte del mondo con foto disarmanti. Sono capaci di mandarti i saluti anche da sotto casa loro… Ma se ci troviamo per strada e non mi saluti nemmeno?!;
– condividono status poetici sbagliando, oltre che i testi, anche l’italiano. Spieghiamo agli aspiranti letterati che condividere citazioni – anche sbagliate – sui social network non è simbolo di intelligenza;
– ti avvisano anche quando sono in bagno. Ma non smettono di twittare e postare sull’andamento della situazione…

Adesso basta, mi fermo qui. Ma sono sicura che i minuti di silenzio sarebbero ancora molti.
Perché il silenzio? Perché può essere l’unica risposta davanti a certi atteggiamenti!

Lascia un commento

Archiviato in amore, diario, domande, emozioni, innamoramento, ironia, moda, riflessioni, tecnologia

il magico mondo del selfie

selfie-cane-638x425Oggi vi parlo del selfie. Sì, lo so, sono arrivata con un anno di ritardo: il Corriere ha decretato il selfie la parola dell’anno 2013. E oggi siamo nel 2014. Proprio per questo io mi/vi chiedo: se è la parola del 2013 perchè oggi – e siamo nel 2014 – non smette nessuno di fotografarsi come un cretino davanti allo specchio e di postare le immagini più assurde e orribili della storia sui social network?
Inizialmente pensavo di aver visto qualcuno troppo masochista: sono brutto, mi fotografo e mi metto sui social network. Ok, forse un po’ troppo masochista; dietro ci sarebbe stata una logica assurda; ma che male c’è?
Poi ho notato che anche personaggi in vista del mondo dello spettacolo adorano il selfie. E poi alcuni brutti non sono.
Poi ho scovato anche la mia vicina di casa: un giorno – tra un cinguettio e l’altro… tadaaaa… noto un suo tweed. Un suo raro tweet. Lei è una che non twitta mai. Appartiene alla categoria di persone che sono sui social network solo per prendere appunti sulla vita degli altri. Quando vedo un suo tweet quasi mi meraviglio. Allora corro a leggerlo. Sarà forse il primo. Mi collego e scopro che il tweet ha degli hashtag e rinvia a Instagram. Che sarà mai? Un suo autoscatto allo specchio!!!
E allora mi sono rassegnata (forse ho solo capito come va il mondo e me ne sono fatta una ragione): va bene, è questione di moda. Ma – dico io – una moda migliore no?
No, ed ecco che poi oramai – dopo i vip e dopo i primi e timidi precursori – tutti hanno cominciato a fotografarsi da soli e a postare le proprie foto on line.
Sono stati avvistati perfino anziani e cani nel fantastico mondo del selfie. E allora, via: tutti davanti allo specchio, con lo smartphone a scattare le foto più strane della storia fotografica italiana. Via alle smorfie più assurde, quelle che involgariscono perfino un dolce visino e quelle che fanno sembrare deficiente anche un novello Einstein. Perché? Perché in fondo il selfie si porta e nessuno più sa farne a meno.

1 Commento

Archiviato in diario, domande, ironia, moda, pensieri, riflessioni

quotidiane incomprensioni (tecnologiche)

il-giro-d-italia-a-treviso-L-ZVjad3

Giro d’Italia. Sud. Villaggio di arrivo. Si fa incetta di gadget. Tutti carinissimi e tutti coloratissimi. Proprio dei colori che stanno bene a una carovana che per definizione è allegra e colorata.
Un signore sulla settantina si avvicina con me a uno stand.
– “Date qualcosa?” – chiede con poca timidezza a una delle promoter che sta dall’altra parte del bancone.
– “Sì, una borsa. Se le interessa, le diciamo come fare per averla” – replica con il sorriso a centottanta denti la signorina
– “‘A voglio
– “Bene, lei ha uno smartphone?
– “Che?
– “Dicevo: se lei ha uno smartphone, basta che si mette con la testa qui – gli dice indicandogli uno di quei cartelloni/scenari in cui c’è un foro apposito per la testa – si fa scattare una foto, la carica su un social network, su Facebook per la precisione, tagga il nostro account e noi le regaliamo la borsa“.
Il signore annuisce, si sposta di qualche centimetro, va a guardare il cartellone in cui dovrebbe mettere la testa e guarda di nuovo verso le due promoter. Poi guarda me, fa spallucce e mi dice: “N’agg capit nient!“. Si dirige verso la strada e mi lascia con un sorriso e con un post da scrivere.

Lascia un commento

Archiviato in diario, ironia, ricordi, riflessioni, sport, tecnologia

lo scemo del villaggio globale

A voi è mai capitato di sentirvi, anche se solo per un momento, lo scemo del villaggio globale? A me sì. Pochissime volte, per fortuna. Quasi raramente. Ma mi è successo quando mi sono “disconnessa” dal mondo di internet per una giornata intera, ho ascoltato solo i radiogiornali e letto sommariamente le principali notizie sulla carta stampata. Ebbene, in quelle rare occasioni in cui ho cercato di staccare la spina dalla tecnologia, al ritorno mi sono sentita una scema del villaggio globale. 🙂

Come si vive senza blog, cellulare, hashtag, facebook, twitter etc….? Boh. A me pare che manchi qualcosa quando non sono “always on”. Quando mi riconnetto al mondo ho sempre la sensazione di essere una straniera che, dopo un periodo di inutilizzo, deve tornare a fare i conti con la tecnologia.

Questa settimana mi è capitato di finire in un posto da cui – volenti o nolenti – non potevo comunicare: il cellulare non ha campo, internet non è disponibile. Resta un telefono fisso (che poi non è tuo e non sai neppure che numero ha) su cui difficilmente potrà contattarti qualcuno. Come si fa? Nulla, si attende di tornare al mondo “always on”. Anche se, va detto, quelli che ci vivono in quel posto (senza cellulare, internet e con il solo telefono fisso) non avvertono minimamente il problema. Tradotto: la scema del villaggio globale in quelle rare occasioni sembro solo io. Ma come si fa? 😀

Lascia un commento

Archiviato in diario, domande, emozioni, ironia, tecnologia

geolocalizzazione e social network

La geolocalizzazione dei post sui social network più in voga del momento mi spinge a una domanda obbligatoria: possibile che non si abbia più niente di privato?

Invochiamo continuamente la privacy e  allo stesso tempo siamo sempre pronti a sbandierare la vita privata all’esterno. Contraddizione dei tempi moderni: invoco la privacy ma spiattello dove sono, cosa faccio e con chi sono tramite social network (dove non c’è solo la mia cerchia di amici fidati).

Credo ci sia bisogno di analizzare cosa c’è in fondo a questa smania di rendere pubblico il proprio privato. Che senso ha aggiornare il proprio stato Facebook su cose inutili dal proprio Smartphone? E, ancora peggio, che senso ha dire dove ci si trova in un determinato momento?

Manie di protagonismo; io le interpreto così.

Mi auguro non sia vero quello che leggo da un po’ di tempo sui quotidiani: giovani che scattano foto, escono e incontrano gente con un solo scopo: aggiornare la proria pagina Facebook. Forse questo è un paradosso, ma la realtà è tanto diversa? Io mi auguro di sì! 😉

 

 

Lascia un commento

Archiviato in domande, riflessioni, tecnologia

il giornalismo all’epoca dei social network

Alla luce degli ultimi fatti di cronaca si rende necessaria una riflessione sui social network e sul ruolo che questi svolgono nel mondo dell’informazione.

Ieri, per la prima volta, ho appreso una notizia dai social network prima che da un organo di informazione e, tempestività ancora maggiore, prima ancora che da un comunicato stampa ufficiale.

Ho riflettuto a lungo sulla vicenda e sulla considerazione che poteva scaturire da questo avvenimento. Ci riflettevo ancora qualche minuto fa, quando ho aperto il sito del Corriere della sera. Il titolo di apertura del giornale, dedicato alla forte scossa di terremoto in Cile, richiama anche Twitter. Perché? Perché i nuovi mezzi di comunicazione, il social network del cinguettio in particolare, pare stiano facilitando la diffusione di informazioni in diretta dal luogo della catastrofe.

L’ultima trovata è rilanciare in rete sempre tramite Twitter (vedi Corriere) i messaggi di coloro che aggiornano il proprio stato dando informazioni su quanto accade nella zona della forte scossa di terremoto. Ho letto qualche tempo fa di una giornalista che cerca i terremoti proprio su Twitter. Un modo per fare informazione, per fornire indicazioni utili ai parenti, amici e conoscenti delle persone che si trovano nelle zone colpite da catastrofi, per aggiornarli sulla situazione…

E se fosse solo un modo per spettacolarizzare il tutto? Io lancio la provocazione.

Preferisco pensare, però, che non sia così. Preferisco immaginare gli scenari sempre migliori di un’informazione generazione web 2.0; un’informazione che può venire dal basso, un giornalismo partecipativo con il microblogging, forse con prospettive e novità più interessanti di quelle del classico mondo dell’informazione. Certo, un’informazione di questo tipo implica considerazioni e prospettive completamente nuove che riguardano la credibilità, le fonti e la professione. Ma questa è un’altra storia…

Lascia un commento

Archiviato in informazione, riflessioni, tecnologia

Anobii, il social network dedicato ai libri

La mania dei social network mi ha ufficialmente contagiata. Non bastavano Facebook e Twitter, oggi ho scoperto anche Anobii. E, devo essere sincera, questo social network dal nome strano, che sembra più un’agenzia matrimoniale che altro, mi piace. Mi sono appena iscritta.

Anobii è un social network interamente dedicato ai libri. Gli utenti possono mettere in rete la propria libreria, commentare le ultime letture, recensire i volumi preferiti, stringere amicizia con conoscenti o con persone che hanno gli stessi gusti letterari… Ho fatto solo un giro finora, non ho trovato ancora né amici né conoscenti, ma ho cominciato ad inserire alcuni titoli della mia libreria. Non vedo l’ora di partire con le recensioni. 🙂 

Questo social network sembra essere l’ideale per chi, come me, si perderebbe ore ed ore in libreria tra il profumo della stampa, le pagine dei volumi, i titoli sempre più diversi ed allo stesso tempo simili…

In fondo anche un giro in libreria è un viaggio affascinante e sempre entusiasmante.

Il tempo per leggere, come il tempo per amare, dilata il tempo per vivere”. (Daniel Pennac)

Lascia un commento

Archiviato in notizie, riflessioni, tecnologia

il grande fratello dei giornalisti

Il grande fratello dei giornalisti

Cinque giornalisti rinchiusi tra quattro mura in Francia con una missione: reperire informazioni solo su social network. E’ la versione bizzarra di un grande fratello dell’informazione venuta in mente a chissà chi e che si concretizzerà nei prossimi giorni.

Tra i protagonisti del nuovo reality ci sono un canadese, un belga, uno svizzero e due francesi. E – badate bene – non si tratta della barzelletta che oramai abbiamo sentito in tutte le salse (quella dell’inglese, francese e napoletano…). Sono cinque giornalisti di diverse emittenti radiofoniche che si aggiorneranno solo ed esclusivamente tramite Facebook, Twitter ed affini.

Il fine dell’esperimento mi sembra interessante: scoprire se le informazioni che circolano sui social network sono veritiere, fino a che punto, e che ruolo esse ricoprono nell’informazione via web.

I giornalisti – come in ogni reality show che si rispetti – non avranno contatti con il mondo esterno: niente cellulare ed accesso vietato ad ogni sito che non sia social network. I cinque reporter forniranno aggiornamenti via blog e tramite le rispettive emittenti radiofoniche.

Lascia un commento

Archiviato in giornalismo, informazione