Archivi tag: trentenni

lauree in vendita?

Due flash. Due spunti interessantissimi che convergono entrambi verso un unico tema.

Stamattina apro la posta elettronica e spunta una mail simpaticissima dal titolo/domanda emblematico: “Hai più di trent’anni e non sei ancora laureato?”. Mi incavolo di brutto: non solo mi arriva continuamente spazzatura tramite posta elettronica; ma è pure spazzatura non “mirata”. Non ho più di trent’anni e mi sono laureata la bellezza di cinque anni fa (sigh!). E vabbè, ci passo sopra ma poi, non contenta, mi metto a leggere. Mi si offre una soluzione imperdibile: laurearmi presto senza rinunciare al lavoro. Lavoro? Quale lavoro? Ok, io non ho un lavoro, ma uno che non si è laureato ancora sì. E fin qui non ho nulla da ridire. Mi rassegno alla realtà (che per i laureati in Scienze della comunicazione vedo sempre più triste) e chiudo la mail. Non la cancello, magari prima o poi mi viene in mente di leggerla di nuovo, magari per trovare qualche spunto, magari solo per curiosità. Ho deciso: terrò lì il messaggio da consultare nei momenti di crisi: può essere che sarà da conforto in momenti particolari.

Poi oggi leggo il giornale e mi imbatto in una notizia: “Giovane architetto annuncia su internet: vendo la laurea, non serve a nulla”. Il ragazzo in questione dopo un anno è stanco di passare da uno stage all’altro senza trovare un lavoro vero e proprio. Figurarsi dopo cinque anni… La notizia mi piace, è carina, l’annuncio anche.

Idea: e se ne vendessi anche io una in Scienze della comunicazione? La mia forse vale di più: è anche più, come dire, “vecchia”! 😀

Annunci

2 commenti

Archiviato in diario, domande, ironia, notizie, riflessioni

diamo i numeri: 30-2=25+3=18+10 :-)

30 meno 2 o 25 più 3? La matematica non è un’opinione anche quando si parla di età. Ma per me lo è sempre! 😉

Proprio in questi giorni, causa compleanno, mi sono trovata a formulare più volte la stessa domanda: 28 è più vicino al 30 o più al 20/25? Io dico 20/25 e non per spirito di gioventù, ma per dato di fatto. Essere trentenni innanzitutto è uno stato mentale. E io quello stato mentale ancora non ce l’ho. Ho ancora lo stato mentale di una ventenne, anzi no certe volte proprio di un’adolescente; ma altre volte mi sento proprio adulta. Vabbè, diciamo che dipende dalle situazioni…

Ma 28 è pur sempre un traguardo, quello che sembrava lontano anni luce anche dieci anni fa. Ecco: ho trovato la soluzione. La mia età è 18 più 10! 😀

6 commenti

Archiviato in diario, ironia, pensieri