Archivi tag: san valentino

“Amore fammi volare”: le stampe dei cuscini di #sanvalentino

IMG_2536

“Amore fammi volare”. Non so come voi reagireste ricevendo in regalo un cuscino a forma di cuore con questa scritta, circondata da ali e da cuoricini. Io – ve lo confesso in tutta sincerità, nonostante stia già immaginando le critiche/polemiche che mi pioveranno addosso – lo farei volare dalla finestra. Il cuscino e lui (il suo misterioso compratore!).
Sarà pur vero che da innamorati diventiamo tutti più stupidi e che San Valentino spesso rincretinisce i cuori più “in love” tanto da farci tornare come adolescenti alle prese con il primo fidanzatino. Ma il troppo è troppo. Vada per un peluche, i cioccolatini, la cena a lume di candela, il weekend romantico, la giornata fuori… Ma il cuscino a forma di cuore no! Che poi già il cuscino a forma di cuore di per sé mi pare troppo. Poi con una scritta così secondo me si esagera. Ci si mette quasi allo stesso livello di quelli con le foto degli innamorati stampate sopra come gigantografia. Se proprio volete scriverci qualcosa sul cuscino, vada per un “Ti amo”, “Ti voglio bene”. Ma “Fammi volare” no: si presta troppo a un doppio senso ironico (vola dalla finestra!). Che poi, a voler essere sinceri, sul cuscino l’unica scritta giusta sarebbe “buonanotte” 😀

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in amore, citazioni, diario, innamoramento, ironia, riflessioni

ma a chi serve un invisible boyfriend?

Hai visto? È uscita un’App a mio avviso geniale con cui puoi praticamente fingere di avere un fidanzato”.
Quando una mia amica l’altro giorno mi ha detto questa frase con non poco entusiasmo, ho pensato di averla persa per sempre (l’amica mia, ovvio). Cioè: con che spirito vieni a dirmi una cosa del genere con entusiasmo? E soprattutto, perché lo dici a me?
A un certo punto mi sono passati milioni di pensieri per la testa. Ma la cosa che non quadra è una soltanto: forse, negli anni, le ho dato modo di credere che avrei avuto bisogno di un fidanzato per finta; uno che rispondesse ai miei messaggi e che potesse essere mostrato all’occorrenza, giusto per non dover rispondere in malo modo al fuoco di domande in quelle poche – rare o forse anche uniche – occasioni in cui amici, parenti e lontani conoscenti ti chiedono: “Ma tu non sei ancora fidanzata?” (primo magico passo nel repertorio delle domande da “Chi vuol essere interrogato”, seguito poi “Ma quando vi sposate?” e “Quando lo fate un figlio?” e ancora “Quando gli fate un fratellino?”).
Eppure con la mia amica pensavo di essere stata chiara. O quanto meno ero certa di averle dimostrato che a me non serve neanche l’appoggio/sostegno di fronte alle domande di chi si scandalizza sapendoti felicemente single alla soglia dei trent’anni.
Poi, che ci volete fare, la curiosità è donna. La notizia c’era. E allora mi sono messa a fare ricerche e ho trovato gli articoli con cui viene presentata la “rivoluzionaria” novità che – bando all’originalità – si chiama Invisible Boyfriend.
E sì, diciamoci la verità: forse avere un invisible boyfriend (un fidanzato invisibile) è un po’ il sogno di tutte le fidanzate disperate, di quelle che trascinano avanti una storia da secoli e che non vedrebbero l’ora di far sparire come per magia il proprio boyfriend e di vederlo apparire solo tramite telefono, forse sempre per non dover dare spiegazioni di tutto a tutti.
Però, scusatemi, ma a che serve un fidanzato invisibile? A ingannare familiari petulanti e amici inopportuni – dice la presentazione. Ma – fatemi capire – io per ingannare familiari e amici devo trovarmi un fidanzato invisibile, mediato da una app e pagare per il servizio (con venti euro al mese ci paghi un ottimo abbonamento per il cellulare!)?
Vi prego: ditemi che è uno scherzo anticipato di San Valentino!

Lascia un commento

Archiviato in amore, diario, ironia, riflessioni, tecnologia

idea per regalo di san Valentino :-)

incisione_appleLa Apple mi ha appena dato una notizia che mi cambia la vita: per il giorno di san Valentino posso regalare al mio amato un iPod, iPhone o iPad con inciso sopra il mio nome o una frase particolare.
Ho appreso la stupefacente notizia mentre ero a caccia di notizie… Insomma, mentre tentavo di lavorare. Apro la posta elettronica e, toh, una mail della Apple (che io adoro, detto per inciso). La apro e scopro che è possibile personalizzare con delle incisioni i propri oggetti del desiderio. Perché non farlo proprio per san Valentino per lasciare una traccia indelebile nel cuore del proprio amato?
Ecco, a questo punto io mi sono messa nei panni del povero/a disgraziato/a che si è letteralmente sudato un iPhone: anni e anni di duro lavoro e di sopportazione del proprio partner. Tutto finalizzato a un unico obiettivo: ottenere un gioiellino della tecnologia che – non sarà per sempre come un diamante – ma ha la sua utilità e un certo appeal. Allora provateci anche voi a mettervi nei panni di questo povero cristiano: ha votato la sua vita alla santità per un regalo del genere e poi la sera di san Valentino scarta il regalo e ci trova sopra un bel “Concettina”. A questo punto mi dovreste anche spiegare l’utilità di incidere il nome di chi compra il regalo. Se poi Giovannino litiga con Concettina deve tenere il suo nome sull’iPhone impresso a vita? O è prevista la garanzia della Apple? Una cosa tipo “se ti lasci la cancello (l’incisione)”?
Secondo me per questa cosa finiranno parecchie storie la sera di san Valentino. Già me le immagino le scene: ma come?! tanto per ricevere un regalo del genere e poi me lo graffi pure?! – domanderà lo stupito destinatario. Ma è una cosa romantica – obietterà l’altro. Ergo: se avete graffiato/rotto un aggeggio tecnologico al vostro partner avete la scusa pronta: è un segno d’amore! 😛
Infine, e giuro che adesso chiudo, un pensiero e un momento di riflessione va a tutte le Concettine che hanno un fidanzato-poeta, uno che non si rassegna e non si limita a scrivere solo il suo nome sull’iPhone; no, lui ci scrive le poesie sopra, tanto che anche la mela è costretta a traslocare per carenza di spazio. 🙂

3 commenti

Archiviato in amore, diario, domande, innamoramento, ironia, pensieri, riflessioni