Archivi tag: rete

#colazionibulgare

1262603_10202161627512031_361644139_o

Foto tratta dalla pagina di Colazioni bulgare

Io l’ho pensato più di una volta. Guardando in tv le classiche colazioni modello “famiglia del Mulino Bianco”, più di una volta mi sono gridata mentalmente “fai proprio schifo. Quando mai tu hai fatto una colazione così!?”. Parlo proprio io, che non faccio mai colazione e che al massimo inzuppo tre/quattro biscottini in un caffè macchiato. Io il culto della colazione non ce l’ho proprio: mi sembra di abbuffarmi a prima mattina… E poi, a un certo punto – zacchete – ho pensato di non essere la sola che guarda a quelle colazioni da sogno e dice: “ma come cavolo fanno?!”. A dire il vero, la convinzione che la colazione fosse obbligatoria la mattina mi era balenata per la mente apprendendo che qualche amica – tra una colazione e l’altra – ha trovato l’amore della sua vita. E ok. Ma con le mie colazioni, quelle tipo “Bridget Jones” alle sette del mattino con il pigiamone davanti alla tv con un caffè macchiato e i biscotti, come la mettiamo?
Poi gira e gira, e faccio la più grande scoperta degli ultimi tempi: una pagina su Facebook che deve essere stata creata da persone geniali che, come tutte le persone che popolano con successo il mondo del web, hanno il pregio di non prendersi mai troppo sul serio. Ed ecco a voi – da me che difficilmente faccio pubblicità anche a me stessa – #colazionibulgare: uno strano hashtag per indicare le colazioni più assurde e strane direttamente dagli utenti del web. La pagina nasce dalla convinzione che non tutte le colazioni – specie quelle del lavoratore medio – sono belle o da condividere su Instagram. La pagina, che deve avere attirato l’attenzione di qualche editore fin dal momento della sua nascita – ha indetto anche un singolare contest: quello della colazione più triste della storia. Il fortunato vincitore (o lo sfortunato colazionista) vincerà una copia del libro “Nutella Nutellae” di Riccardo Cassini (autore per me famosissimo dopo aver letto il fortunato “Veni, vidi, wc”). Allora, siete pronti a vincere? 🙂

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in citazioni, diario, ironia, moda, pensieri, riflessioni

Caro blog, mi sei mancato!

Mi lamentavo della mancanza di spunti per scrivere post sul blog. Io, che sono sempre una miniera di informazioni comiche-e-non da piazzare sul mio spazio on line, mi lamentavo della pressoché totale assenza di ispirazione.

Ebbene, me la sono chiamata (l’ispirazione).

L’assenza forzata (causa problemi tecnici) dalla Rete mi ha costretto a rivedere quanto internet sia fondamentale nella nostra vita, quale sia il ruolo che ha assunto nelle nostre esistenze, anche per ricevere una banalissima informazione.

E, diciamolo, l’assenza forzata dalla Rete mi ha fatto rimpiangere questo piccolo spazio virtuale, valvola di sfogo, strumento di comunicazione e diario on line allo stesso tempo. Mi è mancata la possibilità di scrivere qualcosa e di essere letta da qualcuno (non mi immaginavo così “vanitosa”), mi è mancata la possibilità di sapere quanti e chi sono stati i miei lettori in questo giorno e la possibilità di conoscere i modi in cui sono arrivati al mio spazio on line.

Posso dire, senza ombra di dubbio: caro blog, mi sei mancato!

Chiudiamo con una bellissima canzone di Baglioni (come poteva essere altrimenti?!). Si chiama “Chi c’è in ascolto”. Ascoltatela attentamente. Occhio al testo, più che alla musica!

Lascia un commento

Archiviato in baglioni, emozioni, ironia, pensieri, tecnologia