Archivi tag: cavallo bianco

il principe azzurro / 3

Nell’ultimo post (uhmammamiaequantosonodiventataautoreferenziale!) parlavo di una possibile lista per definire al meglio i compiti e le azioni del principe azzurro modello. La mia amica di blog si sta divertendo a dirne di tutti i colori su quanti si credono dei principi azzurri. Insomma, li sta criticando a più non posso!


Io mi metto nei panni di un aspirante principe azzurro e dico: questi futuri principi qualcuno dovrà pure istruirli. Se li critichiamo solo, non andiamo da nessuna parte. Allora stiliamola una lista di compiti, doveri imprescindibili per un ragazzo che sogna di diventare principe azzurro doc. Quali sono?
Io una lista per sommi capi ce l’ho. Spero di riuscire a compilarla assieme a voi e ai suggerimenti di quei quattro/cinque assidui lettori che mi seguono.
Pronti? Via!

Il principe azzurro NON:
– indossa i sandali
– indossa i sandali con calzino
– porta la canottiera
– il pantaloncino corto d’estate in città (e neanche a mare la sera)
– si depila/cura più di voi
– ha il braccino corto (non si tira mai indietro quando è il momento di pagare, anche se siete con le vostre amiche)
– si preoccupa di andare in giro con il cavallo bianco (se si sporca lo lava e torna più bianco di prima)

Il principe azzurro ha, altresì, le seguenti caratteristiche:
– Vi porta anche in capo al mondo
– E’ pronto ad esaudire ogni vostro desiderio
– Farebbe a pezzi tutto pur di accontentarvi
– E’ pronto a fare i salti mortali pur di passare anche soli cinque minuti con la sua principessa
– E’ un cavaliere nato e lo dimostra praticamente in ogni minuto della sua esistenza

Forse ci siamo. Troppo perfetto dite? Eh no, la perfezione non è mai troppa! 🙂

 

Annunci

1 Commento

Archiviato in amore, diario, innamoramento, ironia, riflessioni

il principe azzurro / 2

Rispondo velocemente – si spera – al post della mia amica di blog.
Ho alcune mie convinzioni sul mitico principe azzurro (che vengono direttamente dalla lettura di favole per trent’anni) che proverò ad elencare in ordine. Sia chiaro, nessun ordine particolare, se non quello con cui mi vengono in mente! 🙂
Premessa alla premessa: forse questo post vi sembrerà estemporaneo. Ma a questa favola del principe azzurro vogliamo credere o no? 🙂

Pronti? Via! Allora, il principe azzurro…

1. Non ti invita in un bar a bere qualcosa: ha il bar direttamente sul cavallo bianco (che, udite udite, non si sporca mai!)
2. Sa già dove andare, e non chiede mai “dove andiamo?” alla principessa, se non per semplice cortesia. Un principe che non sa dove andare è un vagabondo senza meta, mica uno sul cavallo bianco destinato a cambiare la vita della principessa chiusa in un castello?!
2. Non ti chiede mai cosa mangi e perché mangi una cosa anziché l’altra: ti accetta per come sei e basta.
3. Non sognerebbe mai di prendere la tua bustina di zucchero: il principe è un cavaliere nato, queste cose non le fa
4. Ma siamo sicuri che esistesse il caffè ai tempi del principe azzurro? Io lo vedo più un tipo da camomilla….

Idea geniale: e se provassimo a stilare una lista di compiti per gli aspiranti principi? Ci aiutate?

Lascia un commento

Archiviato in amore, domande, ironia, pensieri

il principe azzurro

Avviso ai naviganti: questo è un post di risposta a una provocazione, nata prima di persona e poi portata sul web (trovate qui il post e la persona a cui faccio riferimento).

La domanda, a bruciapelo, arriva in una calda serata di agosto. Sono i primi giorni del mese, a passeggio per una città vestita a festa, si parla del più e del meno e, improvvisamente, parlando di una conoscente, lei – quella che ha scritto il primo post – si ferma, mi guarda e comincia a parlare: “quello il guaio è che il principe azzurro non esiste!”.
Non l’avesse mai detto. Si comincia a ridere e poi a fare le ipotesi più assurde e, a tarda notte, nasce la proposta: scriviamo queste considerazioni sui nostri blog. Le persone saranno d’accordo o no? Proviamoci

.
Allora. Premetto che io concordo sulla sua frase ma solo parzialmente. Cioè il principe azzurro non esiste in quanto principe che ci hanno sempre descritto le favole. Cioè, dico io, se uno venisse a casa vostra vestito di azzurro, con una calzamaglia addosso, una maglia aderente e gli stivali bianchi su un cavallo bianco, voi cosa fareste? Io lo so. Direste candidamente “questo è gay” (cit. Zelig). A questo proposito cito solo una moda dell’estate scorsa: le T-shirt “il principe azzurro è gay”. Ve le ricordate le magliette con quella scritta?
E comunque, indipendentemente da quello che pensereste voi sul principe e sul suo abbigliamento, una cosa ve la dico io: state pur certe che mai nessuno – se non a Carnevale – si presenterà sotto casa vostra vestito di azzurro e con un cavallo bianco.
Che poi, scusate la divagazione, ma voi donne (mi ci metto pure io), voi che vi ostinate a dire che il principe azzurro non esiste, vi sentite principesse? Sì? E avete già comprato la scarpetta di vetro trasparente? 🙂
Riflessione finale: e se, considerati i tempi, la principessa indossasse gli short/mutanda con top-stringi-ciccia e il principe portasse pantaloncini corti, canottiera, e infradito? Ben venga, ma a patto che, come nelle favole riattualizzate, sarà l’amore a trionfare. Quello, indipendentemente dai tempi, dovrebbe essere sempre lo stesso! 🙂

5 commenti

Archiviato in amore, citazioni, diario, domande, innamoramento, ironia