Archivi categoria: vacanze

uomini eleganti con sandali e calzini

Foto: calzediseta.wordpress.com

Foto: calzediseta.wordpress.com

Un pensiero veloce.
Io proprio non capisco quegli uomini che si ostinano a essere eleganti e a indossare i sandali, magari con il calzino.
Ieri ne ho visto uno con camicia, pantalone elegante, sandalo moda-mare plastificato e calzino.
Ma come si fa? Come?
Poi navighi on line e scopri che la moda – l’ultima moda, quella che vedi solo sulle riviste e mai addosso alle persone – dichiara chic il sandalo da uomo con il calzino.
No, queste cose non si possono dire. Tantomeno scrivere!
Ps. Lo so, sto diventando ripetitiva: non è la prima volta che scrivo sul tema (Ne ho scritto qui e qui). Ma io proprio non mi faccio capace!

Annunci

7 commenti

Archiviato in ironia, moda, riflessioni, vacanze

l’estate su Facebook

Pronti, partenza, via… è arrivata l’estate! E con la bella stagione – con o senza i 30° C all’ombra – Facebook si è trasformato nell’album di figurine delle vacanze. In prima fila, appena apri la home, svettano bikini, spiagge, sabbia, mare cristallino, ombrelloni… e tante altre immagini dell’estate degli altri. Vacanze al mappatella beach sottocasa, a Portofino, in Costa Azzurra, Smeralda o in piscina poco importa: per molti il must è convincere gli altri dell’esperienza unica che si sta vivendo.
Vi lancio una sfida: divertiamoci a osservare il mondo delle pseudovacanze patinate dei nostri amici e commentiamole. Ma non per essere cattivi. Commentiamole giusto per farci quattro risate assieme.
Nella top ten delle improbabili situazioni di questo weekend ci sono:
1. Il conoscente che si spara le foto in piscina su Facebook. A me sembrava una piscina piccolina. Provo ad approfondire e cosa scopro? La sua è una trovata intelligente: la piscina è quella per bambini, prontamente montata sul terrazzo per ovviare alla calura estiva. Ovviamente la foto della genialiata non può non finire on line.
2. Gente che la dieta non sa cosa significhi per 330 giorni l’anno e che adesso, in vista della prova costume, ricorda al mondo che è a dieta da un tot di anni e che fino a quando non avrà raggiunto il peso ideale non posterà foto in costume. E se questi soggetti fossero solo invidiosi di tutto il resto e scrivessero queste cose per ripicca?! 🙂
3. Selfie in spiaggia. Fatemelo dire: se il selfie nella vita normale è inguardabile, sulla spiaggia (o in costume) è peggio: mette in risalto i difetti a chi non ne ha… Figuriamoci a noi!
4. Le donne con occhiali-orecchini-collane-bracciali-trucco-tacchi-messainpiegaimpeccabile che si fotografano in riva al mare. Non ci credo. O sono fotomontaggi o la foto è scattata appena mettono piede sulla spiaggia. Poi si squagliano, assieme ai loro trucchi e gioielli.
5. Gente sdraiata in costume come foto di copertina. Un suggerimento: se ambite a diventare modelle delle principali marche di costumi, avete sbagliato periodo, magari – visto che l’estate è alle porte – siete un tantino in ritardo.
6. Foto dell’acqua. Voi avete mai provato a fotografare l’acqua? No? Provateci. E postate la foto su Facebook, anche per far notare alla gente com’è limpida anche l’acqua che sgorga dal vostro rubinetto.
7. Le immagini dei piedi in acqua. Andava di moda lo scorso anno. Assieme alle gambe immortalate con il mare sullo sfondo (modello würstel). Se proprio dovete ricordarci che siete a mare, siate originali!
8. L’uomo in ciabatta con i piedi nell’acqua. Sull’argomento rimanderei a tantissimi post fa. Ma sulla spiaggia all’uomo concedo l’uso dei sandali e quindi non vi rimando da nessuna parte 🙂
9. Le over 50 (di taglia, non di età) in bikini succinto con i commenti dei mariti/fidanzati: “teso’ stai benissimo”. Sì, come braciola nel sugo la domenica 😀
10. I finti palestrati che tirano in dentro la pancia, non respirano per qualche secondo, indossano un costumino modello spot Dolce&Gabbana per una foto profilo che resterà lì per 365 giorni l’anno. Quelle foto che quando poi incontri il soggetto per strada e non lo vedi da molto stenti a riconoscerlo… 🙂

E allora? Io un consiglio ve lo do. Mettete da parte smartphone, tablet, selfie, pc e tutto il resto e godetevi la vacanza!!! E lasciate in pace tutti quelli che sono a casa! 🙂

Lascia un commento

Archiviato in diario, ironia, moda, tecnologia, vacanze

sull’uomo con infradito in estate

Foto: sestyle.it

Foto: sestyle.it

L’estate è oramai alle porte e in attesa di trovare l’abbigliamento/accessorio dell’anno, mi soffermo a fare una riflessione assieme a voi su una figura strana: l’uomo con le infradito.
E non fate la faccia strana… Non dite che non ne avete mai visto uno.
Ero a fare la spesa al supermercato ieri. Davanti a me c’era un signore di mezza età vestito con un normalissimo pantalone classico nero e con una camicia. Tutto normale, fino a quando, alla cassa, nel tentativo di sbirciare i prodotti che l’uomo davanti a me metteva faticosamente sul bancone… tadaaaaa… scoperta: il pantalone del suddetto esemplare maschile assume una strana forma, fino a contorcersi sotto il tallone, precisamente tra il tallone e la ciabatta. E che scarpa indossa questo uomo? Certamente non uno dei miei odiati sandali da uomo; no, indossa proprio le infradito. Effetto? Nun se po’ guarda’.
Scena simile stamattina. Siamo abbastanza lontani dalla spiaggia, teoricamente saremmo in chiesa. Il mio sguardo si abbassa ad osservare le calzature degli uomini presenti e cosa vedo? Due esemplari maschi che indossano le infradito. Uno sotto a un bel jeans a gambe lunghe; l’altro sotto un più estivo pantaloncino corto.
Ok, sarò anche impopolare, come ho fatto in passato con i sandali da uomo, ma io ve lo confesso: le infradito da uomo non le sopporto. E non è solo questione di avere il piede ben curato. No, non è solo questo: a me l’infradito da uomo, se non associato strettamente alla spiaggia (e anche qui non preferireste una più comoda ciabatta?!), fa proprio una brutta impressione!
Ho visto uomini vestiti di tutto punto e con infradito ai piedi… Insomma: fuori luogo!
Non sono la sola a pensarla così. Ho scovato finanche un gruppo Facebook che la pensa come me: Rabbrividire alla vista di un uomo con le infradito! 🙂

8 commenti

Archiviato in diario, ironia, moda, pensieri, riflessioni, vacanze

le vacanze di una volta…

Ma voi ve le ricordate le vacanze di una volta? A costo di sembrare una vecchia nostalgica (a dispetto dell’età e delle intenzioni, devo scrivere quattro righe sul tema)

SCRIVERE_590x400
1. Ricordo le infinite estati della mia infanzia, quando il libro delle vacanze era solo un incubo da posticipare al 7/8 settembre, pochi giorni prima del rientro a scuola. Estati passate sempre all’aria aperta, a chiacchierare, a fare amicizia senza l’assillo dei compiti per le vacanze o dello stato di Facebook da aggiornare. Oggi non è più così. Conosco mamme iper-apprensive che hanno acquistato il libro delle vacanze un giorno prima che terminasse la scuola e che stanno costringendo i figli a un esercizio al giorno fino alla fine delle adorate vacanze estive. Uno strazio che si perpetua a giugno, luglio, agosto e primi di settembre. Ho visto gente portare in spiaggia quel maledetto libro “estivo” (che poi devono sempre spiegarmi perché sopra ci disegnano il sole, visto che costringe a passare giornate in casa) Io ci metterei un sottotitolo: come mettere tuo figlio in condizione di odiare la scuola.
2. Ricordo anche quando tra vicini di ombrellone si chiacchierava e quando sulla spiaggia c’era anche lo spazio per una partitella a racchettoni o a pallavolo. Oggi i miei vicini di ombrellone sono immersi: a) nella lettura di tutti gli stati Facebook tra un bagno e l’altro; b) nell’i-Pod che suona a tutto volume canzoni di Zarrillo (anche se la fanciulla in questione ha le cuffie alle orecchie); c) nel tablet che manda in onda, grazie al perenne collegamento internet – quello che per tendenza definiamo always on – anche partite vecchie e stravecchie, super riciclate, per la gioia di tutte le mogli/fidanzate che non ne possono più; d) in telefonate che, grazie alle speciali tariffe estive e illimitate, sono sempre più lunghe e sempre più inutili; e) con la testa nello smartphone (specie di adolescenti) intenti a messaggiare o a whatsappare chissà con chi.
3. Ricordo che una volta passavi un sacco di tempo a fare foto da mostrare al rientro delle vacanze. Adesso non si usa più. Le foto si scattano e si caricano direttamente on line dai propri device mobili. Ok, non sarà proprio la stessa cosa. Ma – prima di caricare un contenuto sui social network – perché non porsi una domanda fondamentale: ma questa foto a chi mai potrà interessare? Il mondo virtuale è inondato di foto delle vacanze a destra e a manca. Ma la privacy non piace proprio più? O è più forte il desiderio di apparire? E a questo punto, in memoria di tempi “antichi”, lasciatemi postare una canzone che mi ronza in testa da quando ho cominciato a scrivere questo post. Ve la ricordate voi “tre settimane da raccontare agli amici tornando dal mareeee“?!? Eccola qui:
4. Ricordo che una volta, quando i cellulari neanche esistevano, si facevano le file al telefono pubblico, la sera. Tutti in fila educatamente per parlare con chi in vacanza non era. Eravamo in presenza di un vero e proprio blackout della comunicazione. Ci sapremmo vivere noi oggi? Considerando la sensazione di vuoto assoluto che mi ha catturata appena sono giunta su una spiaggia senza linea telefonica, posso – senza problemi – sostenere che: no, in assenza di cellulare/internet/diavolerie varie, non riusciremmo proprio a sopravvivere. Ma allora, forse, non riusciamo proprio mai a “staccare la spina”, a rilassarci e a sentirci finalmente e psicologicamente in vacanza.
Buon ferragosto, amici!

Lascia un commento

Archiviato in diario, domande, emozioni, ironia, tecnologia, vacanze

la prova costume? o cappotto?

Prova BikiniPensierino del giorno.
(Dopo un’assenza prolungata almeno un pensierino ci vuole).
Siamo al 4 giugno e dell’estate non si vede neanche il sole.
Non male, penso. Lo penso io e tutti quelli che non sono ancora pronti alla prova costume!
W la prova cappotto! 🙂

Lascia un commento

Archiviato in diario, domande, ironia, moda, riflessioni, vacanze, viaggi

immagine. stop al resto

A volte c’è bisogno anche di una pausa di immagini, oltre che di quella musicale.
(Sì, ok, lo so: sta diventando un blog di pause. Ma quando ci vuole, ci vuole).
E allora spazio all’immagine.
Aprile
Lunedì
Caldo
Spiaggia
Mare
Bagno
Costume
Sole
Napoli

NAPOLI

Lascia un commento

Archiviato in diario, emozioni, ricordi, riflessioni, vacanze

sull’uomo con sandalo e calzino d’estate

La mia amica di tastiera (o di blog, ditelo come volete) mi perdonerà se interromperò per un solo post il discorso sul principe azzurro.
Stamattina ho avuto una visione a dir poco idilliaca che mi ha spinto a ritrattare: non posso scrivere continuare a scrivere del principe azzurro ignorando uno spettacolo che da qualche giorno oramai mi si presenta innanzi.
Allora… Da dove comincio? Forse da qui.
Tempo fa, credo l’estate scorsa, sorpresa dallo sconcio costante degli uomini avvistati in ciabatte, infradito e pantofole aperte di tutti i tipi, mi ero decisa a scrivere il post che trovate linkato sopra. Da questo post sono poi nate le battute più comiche dell’anno con le persone che conosco non solo nella vita da blog. Per un anno sono passata per una razzista dei piedi degli uomini; per una che non sopporta il sandalo da uomo e, qui lo dico e qui lo nego, qualcuno mi ha anche confessato “ma tu non sai quanto sono comodi. Io li indosso sempre d’estate“. ORRORE!!!
Ma la situazione peggiora. Quella degli uomini in sandalo, ovviamente. E anche quella di noi donne, costretti ad ammirare gli uomini con i piedi costipati nei sandali delle forme più svariate e dei colori più assurdi. Il piede dell’uomo è lì, che sbuca all’improvviso dal pantalone elegante, dal bermuda, da sotto al costume… Quando meno te lo aspetti, vedi uno vestito di tutto punto, neanche il tempo di cominciare a dire “però… che buon gusto“… Allunghi l’occhio a terra e tadaaaa: il sandalo è lì! 🙂
Perché la situazione peggiora? Perché da un po’ di giorni a questa parte sto incontrando tutti uomini che al sandalo hanno abbinato un’altra cosa scicchissima: il calzino! Eh sì, miei cari lettori: al peggio non c’è mai fine. 🙂


Ma io due riflessioni con voi devo farle. Cosa spinge un uomo a indossare il sandalo con il calzino? Ditemelo. Io proprio non lo riesco a capire. Ma qualche idea me la sono fatta.
1. Se l’uomo pensa che il sandalo con il calzino sia più elegante, diciamoglielo chiaro e tondo: il sandalo da uomo non  si può guardare. Tanto più se indossato con il calzino. Tanto più se bianco, come è capitato di vedere a me
2. Se tu, caro uomo, indossi il calzino, viene meno la ragione per cui indossi il sandalo: prendere aria ai piedi. Cioè: se il sandalo serve per stare più freschi, con il calzino pure dentro non si sta più caldi???
3. Uomini, se vi fanno male i sandali, vi prego, non li calzate proprio: mettete direttamente un paio di scarpe, qualunque esse siano. Se i sandali vi fanno male un motivo c’è: dovete toglierli!

E chiudo con una considerazione. Una mia amica mi ha detto che una persona che conosce evita di mettere i sandali al figlio piccolo anche d’estate per evitare che si abitui e gli venga di indossarli da grande. Secondo me questa donna è un genio. 🙂

7 commenti

Archiviato in diario, ironia, moda, riflessioni, vacanze

estate social

Stiamo diventando un popolo esageratamente social.
Troppe le scene viste negli ultimi giorni che mi spingono a scrivere di getto questo post.

Ero in spiaggia e una mia vicina di ombrellone aggiornava la sua posizione attuale tramite Iphone.
Ero in acqua, letteralmente stavo nuotando e a due passi da me ho visto uno che teneva a stento il telefono fuori dall’acqua e in contemporanea mandava messaggi su Facebook.
Stavo per salire dalla spiaggia e mi sono imbatutta in un tipo pseudopalestrato-stracolmo-di-olio-di-cocco che, letteralmente con le pacche in acqua sulla più classica delle spiaggine, ascoltava musica dall’Ipod che – ahimè – si schizzava con le onde.
Una bambina che conosco (che per inciso non dovrebbe neanche sapere cosa sono i social network) ha appena comunicato on line che parte per le vacanze, con i genitori ovviamente.
E poi c’è sempre chi ti informa sulle proprie letture, sulla propria collocazione sulla spiaggia di Rimini o Riccione o su quanti litri di alcool ha bevuto nel corso di una settimana.
Sapete cosa mi manca? Uno che aggiorni il suo status quando va in bagno. Quello sì che lo premierei per l’originalità. 🙂

Morale della favola? Secondo me, a furia di essere tanto social ci perdiamo il meglio. Spegniamo cellulari e computer e godiamoci anche un solo secondo di vacanza. I racconti migliori sono stati fatti sempre con il senno di poi. Mai in diretta live! 😉

6 commenti

Archiviato in diario, domande, ironia, tecnologia, vacanze

Non vivo più senza te

Estate, tempo di tormentoni. Di canzoni che ti ronzano in testa a tutte le ore del giorno.

E’ da qualche anno che tutti si arrovellano alla ricerca della canzone dell’estate. Quest’anno io l’ho trovata. Prima del solito. E senza ricorrere alle classifiche dei giornali per aggiornarmi.

Si chiama “Non vivo più senza te”.

Eccola:

Non vivo più senza te (Biagio Antonacci)

non vivo più senza te, anche se, anche se con la vacanza in Salento prendo tempo dentro me
non vivo più senza te, anche se, anche se una signora per bene ignora le mie lacrime.
E le mie mani, le mie mani, le mie mani van su, la sua bocca, la sua bocca punta sempre più a sud. La mia testa, la mia testa, la mia testa fa

No signora no (mi piaci)
No signora no (mi piaci)
No signora no (ti prego)

Non vivo più senza te anche se, anche se tanti papaveri rossi come il sangue inebriano
Non vivo più senza te anche se, anche se la luce cala puntuale sulla vecchia torre al mare.
sarà che il vino cala forte più veloce del sole, sarà che sono come un dolce che non riesci a evitare, sarà che ballano sta pizzica, sta pizzica

No signora no (mi piaci)
No signora no (mi piaci)
No signora no (ti prego)

E le mie mani, le mie mani, le mie mani van su, la sua bocca, la sua bocca punta sempre più a sud. La mia testa, la mia testa, la mia testa fa

No signora no (mi piaci)
No signora no (mi piaci)
No signora no (ti prego)

succedono, le cose poi succedono, il mondo è un buco piccolo, ci si ritroverà.
Le mode, i tempi galoppano tra i vortici e i sogni pettinandosi ritarderanno un pò…

mi piaci
mi piaci
ti prego

non vivo più senza te, anche se, anche se con la vacanza in Salento ho fatto un giro dentro me.
non vivo più senza te, anche se, anche se la solitudine è nera e non è sera, la solitudine è sporca e ti divora, la solitudine è suono che si sente senza te!

1 Commento

Archiviato in amore, emozioni, musica, vacanze

l’estate sta finendo

 

 

Spontaneo, forse anche scontato, abbinare alla foto e al titolo la rinomata canzone dei Righeira:

L’estate sta finendo

(1985)

L’estate sta finendo
e un anno se ne va
sto diventando grande
lo sai che non mi va.
In spiaggia di ombrelloni
non ce ne sono più
è il solito rituale
ma ora manchi tu.
Languidi brividi
come il ghiaccio bruciano
quando sto con te.
Baciami
siamo due satelliti
in orbita sul mar.
È tempo che i gabbiani
arrivino in città
L’estate sta finendo
lo sai che non mi va.
Io sono ancora solo
non è una novità
Tu hai già chi ti consola
a me chi penserà.
Languidi brividi…
L’estate sta finendo
e un anno se ne va
sto diventando grande
lo sai che non mi va.
Una fotografia
è tutto quel che ho
ma stanne pur sicura
io non ti scorderò.
L’estate sta finendo
e un anno se ne va
sto diventando grande
anche se non mi va.
L’estate sta finendo
l’estate sta finendo
l’estate sta finendo oh oh oh oh
l’estate sta finendo . . . . . . .

 

Lascia un commento

Archiviato in citazioni, diario, emozioni, pensieri, ricordi, riflessioni, vacanze