amaro caffè macchiato con zucchero di canna

Mattina piovosa al bar. Ordino un caffè macchiato.
Il cassiere del bar: 90 centesimi. Bene, c’è stato l’aumento. Prima lo pagavo 80. O forse pago “la macchia” di latte.
Passo al bancone: “Un caffè macchiato, per cortesia”.
La barista, tutt’altro che gentile e cortese, mi guarda schifata e comincia a prepararlo.
Io prendo lo zucchero di canna dal bancone e lo metto nel piattino in attesa del caffè.
La prima barista schifata mi porge il caffè con aria di sufficienza.
Arriva la seconda barista, altrettanto schifata. Anzi, no, forse schifata un po’ di più. Osserva il mio caffè macchiato e lo zucchero di canna e, con tono di rimprovero fa all’altra: “Fammi vedere lo scontrino”.
Appena vede il mio scontrino fa la faccia di paura e parte un rimprovero all’altra: “Ma come? 90 centesimi il caffè macchiato e ok… Ma lo zucchero di canna? Fammi capire: il caffè macchiato con canna tu lo fai pagare 90 centesimi?”
Bene, io ho bevuto il caffè e me ne sono andata. Non ho risposto alle gentile signorina perché saremmo arrivati chissà dove.
Ma ora, dico io: quanto vuoi farlo pagare un caffè macchiato con zucchero di canna? Quanto?
Passi che un goccino di latte me lo fai pagare 10 centesimi… Vuoi 10 centesimi anche per lo zucchero di canna? Sì? Ok, allora toglilo dal bancone e dallo solo su richiesta.
Una cosa è certa: la cortese signorina il mio viso non lo vedrà mai più u.u

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in diario, domande, ironia, pensieri, riflessioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...