Le estati spensierate

Ma voi ve le ricordate le estati delle elementari? Oggi guardavo con un misto di comprensione e invidia un bambino alle prese con la sua giornata interamente dedicata ai giochi.
Le mie estati da bambina cominciavano il primo giugno, un po’ in sordina e con un po’ di tristezza per la fine dell’anno scolastico. Il 2, però, già cominciavano i progetti e le organizzazioni con le amichette: domani da te, dopodomani da me, tu porti la tua Barbie, lei il suo Ken, io la Ferrari di Barbie… Credo di aver speso le migliori estati della mia vita a fantasticare su storie impossibili, su Barbie e Ken che si prendono e si mollano, su Skipper che fa sempre la sorella minore acida e antipatica di Barbie…
Oggi, guardando quel bambino giocare spensierato con le macchinine, ho colto nei suoi occhi la gioia delle estati lunghe e spensierate; la stessa luce che animava anche il mio sguardo, specie quando la mia Barbie si dotò di piscina! 🙂

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in diario, emozioni, pensieri, ricordi, riflessioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...