sull’esperto di cinema

Tutti prima o poi siamo stati vittime di una figura ben definita: l’esperto di cinema. Badate bene, non intendo criticarlo o rivelare con questo post tutta la mia ignoranza in materia; ma l’esperto di film per me è quasi una figura mitologica. Ovviamente, intendo l’esperto di film strani, non quello che da storico del cinema o da studioso approfondisce e studia per l’appunto la cinematografia italiana e non. Quelle persone non le giudico e non sono loro oggetto del mio post, ci mancherebbe. Anzi, anche io per la mia carriera universitaria ho studiato un pizzico di cinema e di storia del cinema; e qui mi sono imbattuta in quei personaggi che io definisco “maniaci esperti di film”! 🙂

Oggetto di questo post sono tutte quelle persone che dopo aver visto il film più assurdo e brutto della storia del cinema mondiale hanno il coraggio di esclamare “però è un capolavoro”. Come? Scusate? Ho capito bene? Un capolavoro? E da cosa si vede?

Il mio incontro con i maniaci esperti di film è arrivato la prima volta all’università. Ricordo ancora di aver passato buona parte di alcune lezioni a pensare come fosse possibile che un soggetto della mia età conoscesse a memoria tutti i film citati nel programma. “Quanti film avrà visto al giorno?” – mi chiedevo. Forse quattro, cinque… Ma – badate bene – fin dalla tenera età. E poi che film! Io non parlo solo dei film storici, quelli che per me sono capolavori (De Sica, Zavattini, Germi, Fellini, Rossellini…). Insomma, film che chiunque avrà di sicuro visto a casa nei periodi di festa assieme ai propri familiari! No, quelli conoscevano tutte le pellicole, anche quelle di cui io non avevo mai sentito parlare! Ma come si fa? E non è che li avevano visti e basta! Conoscevano le battute a memoria e registi, attori, sceneggiatori, etuttoilrestoappresso. Qualcosa non va, mi dicevo.

Finita l’università non ci ho più pensato. Poi, l’altra sera vado al cinema, finisco a vedere “Il cigno nero”, capolavoro – mi aveva riferito qualcuno. Il risultato? Mi sento presa in giro, la Portman avrà anche vinto l’Oscar come migliore attrice protagonista; ma a me viene il mal di pancia solo a ripensare quel film. Uno dei più brutti e angoscianti che io abbia mai visto. Sarà che per me il cinema è un’altra cosa! 😉


Annunci

4 commenti

Archiviato in cinema, ironia, pensieri, ricordi, riflessioni

4 risposte a “sull’esperto di cinema

  1. Ho sempre pensato che il cinema fosse, alla fine, semplice intrattenimento. Se quando il film finisce non vuoi richiedere indietro 2 ore della tua vita quello è un buon film (per te, per i tuoi gusti, per il tuo umore), ti hanno raccontato una storia e te la sei goduta per il tempo che ci è voluto. Potrà non essere stata una grande storia, ma il tempo te lo ha fatto passare. Gli “esperti” di cinema, arte, letteratura e altre forme di espressione e intrattenimento dovrebbero cercarsi un lavoro serio invece di rompere le palle al prossimo. Tutti hanno un’opinione e hanno il diritto di esprimerla, a meno che non sia diversa dalla mia, in quel caso possono pure morire. 😉

  2. marì

    Non si sopportavano hai ragione….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...